Iscriviti alla nostra Newsletter

Oratorio della Santissima Annunziata

La chiesa della santissima Annunziata è uno dei più importanti documenti pittorici del primo Quattrocento nel Lazio. Come attesta la targa marmorea con la data 1422 inserita nel prospetto, l’oratorio fu edificato al tempo di Martino V su committenza del signore di Riofreddo Antonio Colonna. Caratterizzato da un trasandato apparato murario in pietrame rivestito a intonaco, è dotato di un portale con arco a tutto sesto, delineato da una sequenza di conci e inquadrato entro una cornice lineare di impronta durazzesca. Più in alto, ormai illeggibili risultano lo stemma Colonna e le iniziali di Antonio scolpite ai lati dello scudo, mentre labili tracce del murale in facciata si rilevano nelle tipiche graffiature a solchi incrociati e nel profilo di un’aureola che ancora conserva l’impronta della lavorazione a pastiglia.

All’interno una semplice aula rettangolare voltata a botte rispecchia perfettamente l’essenzialità della compagine architettonica non mancando tuttavia di monumentalità per la ricchezza delle pitture che ricoprono la superficie. Sulla lunetta che sovrasta l’ingresso è raffigurata una Crocifissione; sulla parete d’altare è rappresentata l’Annunciazione, episodio centrale all’interno del ciclo nonché indispensabile riferimento all’intitolazione dell’oratorio; sulla volta è presente il trionfo del Cristo attorniato da schiere di angeli fra coppie di Evangelisti e Dottori della Chiesa.